Le Cinque Terre Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show

B&B tra le Cinque Terre e Lerici

Le Cinque Terre e i suoi borghi

Il nostro B&B permette di raggiungere il Parco Nazionale delle 5 Terre e le sue località utilizzando il treno che collega la stazione F.S. di Arcola o Vezzano alle spiagge e località delle 5 Terre. Il nostro ospite lasciando la macchina nel nostro parcheggio interno raggiunge a piedi la stazione di Arcola che dista dal “B&B” 150 metri. I biglietti F.S. sono reperibili presso di noi.

Monterosso (Dove fiorisce l'agave)

Arrotolata su due insenature, con le case stese al sole come fossero panni colorati,e le sue lunghe spiagge, Monterosso è terra di confine, ultimo borgo delle Cinque Terre arrivando da La Spezia. Meno aspra e più facile da raggiungere, al primo sguardo appare la più turistica,la meno riservata, ma basta inerpicarsi lungo qualche stradina per ritrovare il sapore forte di salmastro, il paesaggio selvaggio e solare , e quegli orti protetti da muri di pietra e piante di limoni, che ricorrono innumerevoli volte nei versi di Montale.

Riomaggiore (Il paesaggio dell'anima)

E'il primo borgo delle Cinque Terre che si incontra arrivando da La Spezia. Riomaggiore è una ferita, un taglio profondo nella roccia, scavato dalle acque dell'omonimo torrente, ora ricoperto da due file di case dai tipici colori liguri arroccate sul pendio che arriva sino al mare e ad una piccola spiaggia di ciottoli neri.Quando arrivi dal mare non la vedi fino all'ultimo minuto, e allora ti ricordi che un tempo qui il Mar Ligure portava pirati e nuovi padroni, che difendersi voleva dire soprattutto non essere visti.

Manarola (Un kilometro per amarsi)

Costruita su un grosso scoglio nero a 70m sopra il livello del mare è fra tutti i borghi delle Cinque Terre il più suggestivo e romantico.Lungo la via principale e in quasi tutte le strade e i viottoli che lo consentono, troneggiano i monumenti di Manarola, le barche. Tirati a secco ogni volta che il mare è grosso, gozzi, lance e laudi sono il simbolo della memoria di un borgo dove un tempo si viveva soltanto di pesca e campagna. A Natale la collina che sovrasta il paese viene illuminata dalle sagome di trecento personaggi, fatti di ferro ritorto,plastica e migliaia di lampadine, che danno vita ad singolarissimo ed unico presepio che rende ancor più magico lo scenario delle Cinque Terre. Particolarmente curiosa è la piramide bianca in cemento che spunta tra le case, antico segnale trigonometrico per i naviganti.

Corniglia (Una terrazza sul mare)

Sulle carte è classificato borgo rurale. E, anche se il mare è proprio li, ancora più bello se guardato da quella suggestiva terrazza di roccia viva sospesa sulle onde a quasi 100 m d'altezza. Corniglia è la Terra delle terrazze coltivate a vite ed ulivi, delle terre incolte dove pini, palme e agavi svettano sulla roccia calcarea, dando vita ad un insolito paesaggio. Quello che ricorda che anche questa è una delle Cinque Terre,uno dei paesi aggrappati al mare, tra cielo ed acqua è che pur essendo costruita a strapiombo sul mare, offre inaspettatamente una delle spiagge più grandi della zona, una lunga striscia sassosa che corre sotto la vecchia ferrovia. Oltre ad essere la più lontana dall'acqua è anche la scomoda da raggiungere, per arrivarci dalla stazione occorre affrontare la Lardarina: 33rampe e 377 scalini. Una faticosa scalinata che ha contribuito a salvaguardare questo piccolo pezzettino di Paradiso sul mare.

Vernazza (La più marinara delle cinque terre)

Di antiche origini, un tempo Vernazza era famosa perché qui veniva imbarcato lo squisito vino locale, lo Sciacchetrà esportato anche oltre confine.Fin dai più articoli secoli il borgo viveva del mare e dei commerci legato al Porto.Per anni sottomessa a Genova per lungo tempo,Vernazza divenne importante arsenale per la costruzione e la riapparizione delle barche. Del suo impetuoso passato ne conserva ancora le tracce, come le imponenti fortificazioni del Castello costruito su uno sperone di roccia a 70m sul mare. Sulle mura svetta la Torre Doria, una dei migliori ed apprezzati punti panoramici di tutte le Cinque Terre. Ed è da qui che bisogna guardare Vernazza,il borgo più spettacolare di questo tratto di costa Ligure. Con le sue case dai colori pastello, i carruggi , le ripide scalinate, la montagna che incombe sui tetti d'ardesia e abbraccia il paese, tanto che dal mare quasi non ti accorgi che dietro bastioni di roccia spuntano palazzine e piazze dal sapore antico.Da qui si può vedere anche la Parrochiale di Santa Margherita di Antiochia, considerata la più bella e suggestiva chiesa delle Cinque Terre.

Sagre e feste alle Cinque Terre da non perdere

MAGGIO : Sagra del Limone (Monterosso)

3° Sabato di Maggio. Il Sabato dell'Ascensione si festeggia il più noto frutto locale.E' il momento di tutti i prodotti locali e tipici che utilizzano il limone, dal pesce marinato, ai liquori ai dolci,che vengono esposti sui banchetti in piazza e nelle vetrine dei negozi.Tutto il paese si riempie di addobbi ispirati al giallo dorato del frutto."qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza/ ed è l'odore dei limoni. E. Montale "

GIUGNO : Infiorata del Corpus Domini. (Monterosso)

Il più celebre degli appuntamenti folcloristici, delle Cinque Terre dove artisti più o meno improvvisati tracciano per le vie del centro storico i disegni che diventeranno profumati arazzi. Verso mezzogiorno inizia l'infiorata, con i fiori di queste terre tra rose,campanule e ginestre prendono vita immagini sacre, motivi ornamentali, scritte e ricami , che rendono l'atmosfera ancor pi profumata.

GIUGNO : Sagra del' Acciuga Fritta (Monterosso)

Proprio in questo periodo avviene il passaggio delle acciughe che vengono pescate al largo di Monterosso,accuratamente selezionate e salate secondo tradizione saranno poi pronte per essere gustate a settembre. Durante questa giornata sarete colti da un invitate profumo sin dalle prime ore della giornata.

GIUGNO : Falù di San Giovanni Battista. (Monterosso)

Il falò si svolge la sera e la tradizione vuole che i bambini raccolgano la lagna che poi viene bruciata nella spiaggia dei pescatori. Il fuoco del falò rappresenta la purificazione.

GIUGNO : Festa del Patrono - San Giovanni Battista. (Monterosso)

La piè tradizionale delle ricorrenze monterossine, dove centinaia di lumini vengono affidati al mare e alle sue onde.

GIUGNO : Festa del Santo Patrono. (Corniglia)

Oltre ad una processione per le vie del paese potrete gustare le specialità gastronomiche del paese, come la torta di riso, preparata con riso, uova e formaggio.

LUGLIO : Tradizionale Festa di Santa Margherita di Antiochia. (Vernazza)

Durante il giorno diversi banchetti e al calare della sera fuochi d'artificio. .Festa dei Pirati - non ha un precisa data ma è una vera e propria tradizione con inizio al calar del sole, con sbarco ed ingresso dei pirati nel piccolo porticciolo di Vernazza.

AGOSTO : Festa della Madonna di Soviore. (Monterosso)

Il giorno 14 agosto, ogni anno, si celebra la festa della Madonna Assunta.Il pellegrinaggio parte dall'oratorio di Santa Croce con la processione dei bambini del paese vestiti con il tradizionale abito del pellegrino e si reca al Santuario della Madonna di Soviore verso il quale i monterossini provano un'intensa devozione e dove vengono deposti i mazzolini di fiori portati dai bambini.

AGOSTO : Festa di nostra signora della Salute al Santuario di Volastra. (Manarola)

AGOSTO :Festa di San Lorenzo. (Manarola)

Processione notturna, fuochi d'artificio e Benedizione del mare.

SETTEMBRE : Sagra del' Acciuga. (Monterosso)

Il pesce azzurro , di cui Monterosso vanta una varietà pregiata, viene celebrato il secondo martedì di settembre. Durante la sagra vengono offerte degustazioni del delizioso pesce, accompagnato da bruschette e buon bicchiere di vino delle CinqueTerre.

DICEMBRE : Presepe illuminato. (Manarola)

I Sentieri delle Cinque Terre

Sentiero Azzurro - da Monterosso a Riomaggiore
Lunghezza 11km - Tempo di percorrenza : 5 h
Numero del Sentiero : 2 - Massina elevazione a 260m.
GIUGNO : Infiorata del Corpus Domini. (Monterosso)

Sentiero Monterosso -Soviare- Sant'Antonio- Monterosso
Lunghezza : 10km - Tempo percorrenza : 3 / 4 h.
Numero Sentiero : 9 sino a Soviare - 1 da Soviare a Sant'Antoio- 10 da Sant'Antonio a Monterosso.
Massima elevazione 465 m.

Via della Beccara / Il Sentiero delle Vigne - Da Riomaggiore a Manarola.
Lunghezza 2km - Tempo percorrenza : 1h
Segnalato con linee bianche e rosse dal Club Alpino Italiano.
Massima elevazione : 300m

Sentiero 01 : Da Riomaggiore a La Foce.
Lunghezza 6 / 7 km - Tempo di percorrenza : 2 / 3 h
Massima elevazione : 632 m.
Ideale per ammirare la natura , la macchia di pini marittimi, l'erica, la ginestra, il corbezzolo e lo zafferano.E non è difficile vedere volteggiare rapaci come il gheppio e la poiana

Escursione con Trenino a Cremagliera: Per raggiungere il santuario di Montenero, sopra Riomaggiore si più utilizzare il trenino a cremagliera, lo stesso che i viticoltori usano per portare su per le terrazze ceste d'uva e attrezzi agricoli, solo riadattato per il trasporto passeggeri.

Via dell' Amore : da Riomaggiore a Manarola.
Lunghezza 1km - Tempo di Percorrenza : 20 min.
N° Sentiero: 2
E' la strada più famosa delle Cinque Terre . Adorata dalle coppiette, ricca di angoli suggestivi,profumata da finocchio selvatico di mare e violacciocche, resa esotica da agavi, e fichi d'india, decantata da poeti e scrittori, la Via del' Amore che congiunge Manarola e Riomaggiore è uno dei sentieri più celebri d'Italia. Nato per custodire esplosivo e diventato l'esplosione del romanticismo.

Lerici e Tellaro Show Show Show Show Show Show Show

Lerici Tellaro e Fiascherino

Antichi e suggestivi borghi


Lerici

Dalle origini etrusche, sulla sponda orientale del Golfo di La Spezia, Lerici nasce su un insenatura naturale, dove dal suo promontorio spicca l'imponente Castello, oggi museo. Calette, anfratti,baie e grotte sommerse, fanno di questo tratto di costa, uno dei più frequentati durante il periodo estivo, la lunga spiaggia sabbiosa, una delle poche della zone si estende lungo tutto il litorale sino ad arrivare a San Terenzo.Il mare di Lerici che danni si guadagna il prestigioso riconoscimento di Bandiera Blu,riserva tesori nascosti agli appassionati di immersioni e snorkeling.Oggi l'area è una sorta di piccolo parco archeologico marino,e non ha caso Lerici è entrata a far parte dell'area protetta del Parco Naturale di Montemarcello Magra.



Fiascherino e Tellaro

La baia di Fiascherino piò essere considerata a tutti gli effetti un anfiteatro naturale. Una frazione di case sparse e villette sparse tra i giardini e il verde della costa,dove ogni viottolo sembra perdersi nel nulla e dove persino il mare,tra insenature e scogli assomiglia ad un miraggio, vicinissimo e irraggiungibile. Un borgo isolato e selvaggio che proprio per questa sua caratteristica conquistò nel 1913 David Herbert Lawrence, che si fermò qui per un po' con la sua compagna Frida. Tellaro è l'ultimo borgo ligure affacciato sul mare. Dopo, la strada costiera finisce e la punta rocciosa conclude, ormai priva di uomini e case, il suo tuffo tra le onde. Un piccolo borgo marinaro con carruggi, le sue case con le torri ed una chiesa che sembra affidata al mare

Eventi e Sagre a Lerici da non perdere

LUGLIO : Festa del Patrono (Lerici)

Festa del Patrono di Lerici (Sant' Erasmo): Tutto il paese e la baia viene illuminata da moltissimi lumini, la Statua del Santo viene portata al molo e via mare arriva a San Terenzo. Dopo il ritorno a Lerici, viene celebrata la Santa Messa, ed al termine bellissimo e suggestivo spettacolo pirotecnico .

AGOSTO : Sagra del polpo. (Tellaro)

Si svolge il primo o il secondo weekend di agosto nel suggestivo borgo di tellaro. Tellaro offre il tradizionale polpo cucinato secondo la tradizione locale e diverse specialità di pesce.

AGOSTO : Sagra della lumaca. (La Serra)

Fine Agosto. Orami diventata una vera e propria tradizione dove Lerici offre Le famose "Lumaghe",cucinate secondo la tradizione locale insieme altre innumerevoli specialità di pesce. Oggi una delle più antiche sagre della Provincia di La Spezia. Suggestiva anche la terrazza che domina sul Golfo dei poeti , offrendo uno scenario mozzafiato.

DICEMBRE: Natale subaqueo. (Tellaro)

Il Natale Subacqueo che celebra la nascita del Gesù, la notte di Natale. La statua del bambino emerge dalle acque trasportata da un gruppo di subacquei e depositata nella mangiatoia, in una cornice di oltre 8.000 lumini e festeggiato da fuochi d'artificio sul mare.

Sarzana ed Arcola Show Show Show Show Show Show Show Show Show Show

Sarzana ed Arcola

La soffitta dei tesori ed il nostro borgo.

Sarzana

Di antiche origini, tra il Parco Regionale di Montemarcello Magra e il cuore della Lunigiana, di cui è capitale culturale, Sarzana è uno di quei centri che il destino lo ha reso terra di confine, in una sorta di equilibrio tra la costa del Golfo dei Poeti e la Toscana.Una tormentata storia di cui la cittadina porta ancora i segni nelle imponenti mura della cittadella e nelle stradine del centro storico che si tagliano e si accostano, una contro l'altra, una a difesa dell'altra.Per farsi un'idea di quel che doveva essere Sarzana un tempo, basta visitare la cittadella fortificata o Fortezza Firmafede. Ma il vero simbolo della città è la Fortezza di Sarzanello, arrivando da Sarzana non si può fare a meno di notarla, con il suo fossato, i tre grandi torrioni cilindrici,gli spalti e i camminamenti piantati in cima ad una collina in grado di dominare tutto il panorama circostante.Popolata dia artigiani che lavorano il legno,il ferro battuto, di botteghe di restauratori che riportano all'antico splendore mobile ed oggetti d'epoca,Sarzana è diventata un punto di ritrovo per gli antiquari e gli appassionati di Brocantage..

Arcola

Facente parte del Parco Naturale Regionale di Montemarcello Magra,del Bacino Idrografico del Fiume Magra, e dell' Associazione Nazionale Città del Vino, è situata una zona lievemente collinare , caratterizzata da intense coltivazioni di vite , piante d'ulivo a pochissimi chilometri dal mare e dal meraviglioso Golfo dei Poeti. Sparse sui crinali, sorgono case, ville, chiese e castelli, dove da Baccano a Trebiano, la storia ha lasciato segni del suo passaggio, proprio qui i Liguri sconfissero le armate Romane. La sua Torre Obertenga è oggi una delle architetture più importanti della Lunigiana storica.

Eventi e Sagre a Sarzana da non perdere

APRILE : Pasqua - Anteprima soffitta nella strada (Sarzana)

Molti espositori provenienti da tutta Italia. Le strade e le stradine si trasformano un gran bazar, tra oggetti di un tempo passato ed uno più recente.

AGOSTO: Sarzana a tavola (Sarzana)

tra la prima e la seconda settimana di agosto Vera e proprio rassegna di prodotti enogastronomici locali, presentati e cucinati direttamente dai produttori, come le torte di farro e d'erbe, i testaroli,sgabei, ravioli , verdure ripiene e molte alte specialità e ricette della tradizione, accompagnate ovviamente dai migliori vini locali.

AGOSTO: Mostra Mercato Nazionale dell'Antiquariato (Sarzana)

Dalla seconda settimana di agosto in poi alla Fortezza Frmafede - Vengono esposti arredi, gioielli,argenti , dipinti e molti altri oggetti di pregio

AGOSTO: Soffitta nella Strada (Sarzana)

L'appuntamento più atteso dai collezionisti di oggetti d'antan. Una grande rassegna che ogni anno riunisce più di 120 espositori dall'Italia e dall'estero. Per 15 giorni le strade e le piazze del Centro di Sarzana si animano di un atmosfera particolare tra folla, bancarelle e profumi.

AGOSTO : Sagra del Raviolo (Arcola)

SETTEMBRE : Festival della Mente (Sarzana)

Festival Europeo dedicato alla creatività. Una festival di approfondimento culturale, dedicato ai processi creativi, alle idee ed alla messa in scena della creatività che si svolge ogni anno i primi tre giorni di settembre.

SETTEMBRE : Napoleon Festival - Centro storico (Sarzana)

Fine Settembre - Rievocazione storica con le truppe Napoleoniche, combattimenti in città, e mercatini.

SETTEMBRE : Sagra della Polenta (Arcola)

Prima settimana di Settembre.- Parco Villa Picedi-Benettini - Loc. Baccano.Sapientemente preparata e cucinata secondo tradizione, offre piatti dal sapore antico.

SETTEMBRE : Arcola e i suoi Vini (Arcola)

Parco Villa Picedi-Benettini - Loc. Baccano. In occasione di questi due grandi eventi , divenuti uno degli appuntamenti enogastronomici più rinomati e conosciuti della Provincia di La Spezia, si tengono spettacoli di musica, cabaret, convegni sul Vino e i prodotti tipici. Possibilità di degustare e acquistare alcuni dei migliori Vini della zona

DICEMBRE : Patronale di San Nicolò. (Arcola)

Valid HTML 4.01 Strict Valid CSS 2 Strict